AUTODISCIPLINA

Posted By Carlo Vian on Feb 8, 2016 | 0 comments


La maggior parte della gente  ammira e rispetta  le persone forti, che ottengono un grande successo esercitando la forza di volontà e l’autodisciplina.

La gente ammira quelle persone che con la sola  forza di volontà, l’autodisciplina e l’ambizione hanno migliorato la propria vita, acquisito nuove abilità, superato difficoltà e disagi, sono calati di peso, si sono innalzati in quello che hanno scelto di fare, sono avanzati sul sentiero della spiritualità.

La verità è che tutti possono raggiungere livelli elevati di forza di volontà e autodisciplina con un sistema pratico di addestramento.

Questo potere interiore non è riservato a poche persone straordinarie.

La forza di volontà e l’autodisciplina sono due dei più importanti ed utili poteri interiori nella vita di ogni persona, e sono sempre stati considerati come strumenti essenziali per il successo in tutti i campi della vita.

Possono essere imparate e sviluppate  come qualsiasi altra abilità, eppure, nonostante questo, solo poche persone fanno i passi necessari per svilupparle e rafforzarle in modo sistematico.

“Che cos’è la forza di volontà?”

È la forza interiore di prendere una decisione, intraprendere azioni, gestire qualsiasi obiettivo ed eseguire qualsiasi lavoro fino a quando non lo si è raggiunto, indipendentemente dalla resistenza interna o esterna, dai disagi o dalle difficoltà.

Essa dona la capacità di superare la pigrizia, le tentazioni e la abitudini negative, e di portare avanti azioni, anche quando richiedono sforzo, sono spiacevoli e noiose oppure in contrasto con le proprie abitudini.

“Che cosa è l’autodisciplina?”

È il rifiutare una gratificazione immediata a favore di qualcosa di meglio.

È il rinunciare al piacere e alla soddisfazione del momento per uno scopo più alto e migliore.

Si manifesta come la capacità di rimanere fermo nelle azioni, pensieri e comportamenti, che portano al miglioramento e al successo.

L’auto-disciplina è autocontrollo, e si manifesta come disciplina spirituale, mentale, emotiva e fisica.

Lo scopo dell’autodisciplina non è vivere uno stile di vita limitante o ristretto. Non significa non avere la mente aperta o vivere come un fachiro.

E’ una delle colonne portanti del successo e del potere.

Essa  ti dà la forza interiore di concentrare tutte le energie sul tuo obiettivo e perseverare finché non l’hai raggiunto.

Entrambe queste capacità sono necessarie per le azioni  e le decisioni di ogni giorno, e anche per prendere decisioni più importanti e raggiungere grandi successi.

Sono necessarie per fare un buon lavoro, per studiare, per mettere in piedi un’attività, per perdere peso, per praticare culturismo e esercizi fisici, per mantenere buoni rapporti, per cambiare abitudini, per migliorare se stessi, per la meditazione, per la crescita spirituale, per prendere e mantenere impegni, e praticamente per qualsiasi cosa.

Uno dei più semplici ed efficaci metodi di sviluppare la forza di volontà e l’autodisciplina è rifiutarsi di soddisfare desideri irrilevanti e inutili.

Tutti abbiamo costantemente davanti e siamo messi alla prova  da un flusso infinito di desideri e  tentazioni, molte delle quali non sono veramente importanti e nemmeno veramente desiderate.

Imparando a rifiutarti di soddisfare ognuna di queste, diventi più forte.

Rifiutare e respingere i desideri e le azioni inutile, nocive o non necessarie e comportarsi intenzionalmente in maniera contraria alle proprie abitudini, affinano e rafforzano la tua forza interiore.

Con la pratica costante  il tuo potere interiore cresce, proprio come esercitare i muscoli in palestra aumenta la tua forza fisica.

In entrambi i casi, quando hai poi bisogno di forza interiore o di forza fisica, queste sono a tua disposizione.

Ecco alcuni esercizi:

Non  leggere il giornale per un giorno o due.

Bevi acqua quando hai sete, anche se hai voglia di una bibita.

Fai le scale invece di prendere l’ascensore.

Scendi dal bus una stazione prima o una stazione dopo il tuo punto d’arrivo e fai a piedi il resto della strada.

Per una settimana, vai a dormire un’ora prima del solito.

Se ti piace il gelato, non prenderne nessuno per un giorno o due.

Questi sono solo alcuni esempi per mostrarti come puoi sviluppare la tua forza di volontà e l’autodisciplina.

Potresti pensare che fare questi esercizi è essere duro con te stesso, magari un po’ è vero, ma accresci veramente di molto la tua forza interiore.

Seguendo un metodo sistematico di addestramento puoi andare lontano, avere maggior controllo su te stesso e sulla tua vita, raggiungere  i tuoi obiettivi, migliorare la tua vita,  ottenere la soddisfazione e la pace della mente.

Nel Viet Vo Dao in particolare l’autodisciplina è fondamentale.

Non bisogna cercare di guardare troppo avanti, se si è una cintura bianca è bene porsi un obiettivo alla volta, un grado alla volta e prima che ce se ne accorga arriva l’esame di cintura nera.

Lavorare sui propri limiti fisici è dimostrate a se stessi che con l’impegno e la volontà si riescono a fare cose che prima sembravano impossibili.

Da cintura bianca guardavo gli istruttori fare allenamento e non pensavo proprio di raggiungere quel livello, invece con autodisciplina e passione piano piano sono arrivato fino a qua.

Certo soffrendo, ma la sofferenza non fa altro che coronare il successo e renderlo più piacevole, perché raggiungere un obiettivo superando difficoltà e dolore rende l’arrivo a questo traguardo ancor più esaltante.

Da qualche anno ho cominciato ad appassionarmi anche alla corsa su lunghe distanze fino ad arrivare a correre una maratona.

Quello che ho potuto constatare, allenandomi per quella gara che mai avrei pensato di poter correre, è che se ce l’ho fatta lo devo principalmente al Viet Vo Dao e alla disciplina interiore che negli anni mi ha insegnato.

Ho imparato a superare i miei limiti e soprattutto a non arrendermi se mi impongo di raggiungere un traguardo.

Mentre mi allenavo e i chilometri passavano, per non cedere alla stanchezza mi ripetevo che un Viet Vo Dao Sinh non si ritira né si arrende mai, che dovevo andare avanti perché se ero riuscito ad conseguire la cintura nera potevo fare qualsiasi cosa, ed è grazie a questi insegnamenti che dopo quattro ore e mezza di corsa sono arrivato al traguardo nella mia prima maratona, ed è quello che mi ripeto tutt’ora mentre mi alleno per questo esame.

 

Tratto dalla tesi di Paolo (Paolone) Corticelli

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: