Il Re del villaggio Phu Dong, mandato dal cielo

Posted By admin on Gen 8, 2014 | 0 comments


Phu Dong Thien Vuong
 

Il Re del villaggio Phu Dong, mandato dal cielo

 
Phu Dong-2014
 

E’ uno dei miti del Vietnam più antichi, si dice che risalga circa al terzo secolo avanti Cristo.

La storia è ambientata nell’antico Vietnam, che allora si chiamava Van Lang.

Il Vietnam era minacciato a nord dall’arrivo della temibile tribù degli An e il re, venutolo a sapere, stava cercando un modo per contrastarli. Un mandarino di corte gli ricordò della leggenda di Lac Long Quan, il fondatore del Vietnam, che diceva che, qualora ci fosse stata una minaccia, il re avrebbe dovuto pregarlo e lui sarebbe apparso in aiuto.

Così fece il re e dopo qualche giorno si presentò a corte un anziano che si rivelò essere proprio Lac Long Quan!

Egi fece una predizione: entro tre anni, la tribù degli An avrebbe invaso il paese e l’unica soluzione, sarebbe stata mandare truppe in ogni parte del Vietnam per cercare rinforzi.

Il re quindi mandò suoi emissari in ogni luogo per cercare aiuti.

Un anno prima, in un lontano villaggio chiamato Phu Dong, una fanciulla di 16 anni, vide delle impronte di un gigante sulla neve…per verificare quanto grani fossero quei piedi, ci mise sopra il suo, all’istante fu invasa da una starna sensazione e dopo qualche tempo, scoprì che era rimasta incinta!

Nacque così un bel bimbo che si rivelò essere però piuttosto strano, non parlava, non si muoveva bene e il suo sguardo era diverso da quello degli altri bambini.

Gli emissari del re, giunsero anche in quel villaggio a cercare aiuti; non appena il bambino li vide, si alzò subito in piedi e ad alta voce disse

“vi aiuterò io nell’impresa, preparatemi subito un’armatura, una spada e un cavallo di ferro!”

Così fu fatto, il bambino scosse le sue spalle e d’improvviso crebbe in un istante e il suo aspetto divenne quello di un gigante. Salì in groppa al cavallo di ferro che, sputando fuoco, corse veloce come un fulmine fino al luogo di battaglia.

Il gigante combattè distruggendo tutti e quando il cavallo fu esausto, lui scese e cominciò a strappare le canne di bambù lungo i lati della strada e ad usarle come armi. Quando l’intera tribù degli An fu sconfitta,

il Gigante salì in groppa al cavallo e tornò verso il cielo.

La leggenda dice che i laghi che si trovano nell’area di Soc (dove è avvenuta la battaglia) siano stati originati dalle impronte del cavallo, mentre il villaggio Chay che si trova sempre in quella zona, prende il nome dalla foresta che il gigante ha incendiato durante il combattimento (Chay=incenerire)
 
IMG_6018

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: